Mercoledì delle ceneri

papa Francesco invita tutti a una Giornata di preghiera e digiuno per la pace

“Ho un grande dolore nel cuore per la situazione nell’Ucraina.
Come me tanta gente, in tutto il mondo, sta provando angoscia e preoccupazione. Ancora una volta la pace di tutti è minacciata da interessi di parte. Vorrei appellarmi a quanti hanno responsabilità politiche, perché facciano un serio esame di coscienza davanti a Dio, che è Dio della pace e non della guerra; che è Padre di tutti, non solo di qualcuno, che ci vuole fratelli e non nemici.
Prego tutte le parti coinvolte perché si astengano da ogni azione che provochi ancora più sofferenza alle popolazioni, destabilizzando la convivenza tra le nazioni e screditando il diritto internazionale.
E ora vorrei appellarmi a tutti, credenti e non credenti. Gesù ci ha insegnato che all’insensatezza diabolica della violenza si risponde con le armi di Dio, con la preghiera e il digiuno. Invito tutti a fare del prossimo 2 marzo, mercoledì delle ceneri, una Giornata di digiuno per la pace. Incoraggio in modo speciale i credenti perché in quel giorno si dedichino intensamente alla preghiera e al digiuno.
La Regina della pace preservi il mondo dalla follia della Guerra” 

Papa Francesco

 

Dichiarazione dell’AGESCI sulla situazione in Ucraina

L’AGESCI aderisce alla giornata di digiuno e preghiera per la pace del 2 marzo, promossa da Papa Francesco.

L’Associazione rifiuta decisamente, nel rispetto delle scelte democratiche e antifasciste espresse nella Costituzione, tutte le forme di violenza, palesi ed occulte, che hanno lo scopo di instaurare autoritarismo e totalitarismo e quanto sta accadendo in Ucraina lascia veramente sgomenti, tanto più in un momento come quello attuale, dove tutta l’umanità è già provata dalla pandemia.

È responsabilità di ognuno di noi, a cominciare in particolar modo dalle istituzioni politiche nazionali e internazionali, non solo evitare e fermare questo conflitto armato, ma promuovere la cultura del dialogo, poiché il ricorso alla violenza, mai e in nessun caso può essere la via per il confronto fra i popoli.

I capi e le capo, i ragazzi e le ragazze dell’AGESCI, nel legame con i loro fratelli del mondo, vivono la fratellanza internazionale come elemento imprescindibile dell’essere scout, superando ogni differenza di nazionalità, religione e imparando ad essere veri operatori di pace nel proprio territorio e nel mondo.

Ogni giorno gli scout e le guide di tutto il mondo scelgono di impegnarsi come cittadini attivi del mondo ed operatori di pace, in spirito di evangelica nonviolenza, affinché il dialogo ed il confronto diventi una forza promotrice di fratellanza universale, per superare gli interessi personali.

Ogni scout e ogni guida continuerà incessantemente a farlo.

La pace fa parte di noi e dei nostri valori, la vogliamo perseguire e rispettare ogni giorno, in ogni luogo.  

Insieme ci uniamo nella preghiera del Santo Padre e all’appello di tutti i popoli affinché si fermi subito la follia della guerra, affinché possa scoppiare la pace tra i popoli!

La Capo Guida e il Capo Scout d’Italia, i Presidenti del Comitato nazionale e l’Assistente Ecclesiastico generale AGESCI

Raccolta Farmaci Santa Sofia

Vi giriamo quest'iniziativa di gruppo alla quale vi invitiamo a partecipare. Siamo alla ricerca anche di un supporto logistico per gestire la raccolta...contattateci!
La pace inizia da noi ⚜️

InkedWhatsApp Image 2022-03-11 at 19.09.57_LI
InkedWhatsApp Image 2022-03-12 at 11.12.00_LI
InkedWhatsApp Image 2022-03-12 at 09.24.14_LI